Questo sito utilizza cookie. Proseguendo la navigazione si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.
Informativa estesa         

Persone con disabilità

A cura di Ledha

Archivio opinioni

18 Gennaio 2015

Ciao Franco

di Maria Villa Allegri

Riproponiamo il testo del saluto della vice presidente di LEDHA durante il concerto dello scorso 19 dicembre al Pime.

La pazienza aiuta ad affrontare le salite della vita, aiuta a mettere in fila ordinata i pensieri con le parole, e aiuta, quando serve, a pensare a reazioni misurate, adeguate, pazienti, appunto, e proprio per questo efficaci. Ciao Franco, tu eri una persona paziente, ma non per questo debole, arrendevole, rassegnata, confusa. E anzi, proprio perché paziente, naturalmente dotato di parole efficaci, misurate, ma affilate, che andavano dritte al bersaglio.

La lucidità aiuta a cogliere l'essenza delle cose, aiuta a trovare soluzioni e vie di uscita nei problemi complessi. Ciao Franco, tu eri una persona lucida e razionale, ma al contempo ricca di emozioni, che bastava guardarti, e ascoltarti, per cogliere a piene mani la tua grande tenerezza, la tua meravigliosa ingenuità.

La sincerità, l'onestà, aiutano a guardare a viso aperto chi crede che le disuguaglianze siano un destino, e continuano a pensare e ad agire per discriminare, emarginare, separare. Ciao Franco, tu eri un uomo onesto e sincero, eri il nostro eroe, perché è a te che pensavamo, quando si trattava di rispondere all'ennesima ingiustizia, all'ennesima discriminazione.

Ciao Franco. Tu eri tutto questo, e molto, molto altro ancora.
Ora, di nascosto, per non farti arrabbiare, non ci rimane che rimpiangerti, e ricordarti com'eri.

Certo, continueremo a lavorare, e proveremo ad essere pazienti e tenaci, lucidi e romantici, sinceri ed onesti, anche se lo sappiamo che non diventeremo mai eroi, perché tu eri e sarai inimitabile, e per tanto, tanto, tanto, tanto tempo, insostituibile.
Ciao Franco

Condividi: Facebook Linkedin Twitter email Stampa