Questo sito utilizza cookie. Proseguendo la navigazione si acconsente al loro impiego in conformitą alla nostra Cookie Policy.
Informativa estesa         

Persone con disabilitą

A cura di Ledha

Archivio notizie

26/02/2019

Autismo in blue jeans

I ragazzi con disturbi dello spettro autistico di Monza possono partecipare a questa iniziativa colorando un paio di vecchi jeans. Che devono essere consegnati all'artista Roberto Spadea entro l'8 marzo

I ragazzi con disturbi dello spettro autistico di Monza potranno partecipare alla mostra "Autismo in Blue-Jeans" promossa dall'associazione "Facciavista Onlus" in collaborazione con l'artista Roberto Spadea e che verrà allestita nella città lombarda dal 2 al 15 aprile 2019 in occasione della Giornata mondiale per la sensibilizzazione sull'autismo.

L’installazione ha come obiettivo il modificare la percezione e l’atteggiamento della gente nei confronti dell’autismo. Vuole innescare un cambiamento nella percezione che le persone hanno dell’autismo che porti all’apprezzamento delle abilità creative, superando le difficoltà e creando un linguaggio comune fatto di cose che possono essere condivise. Non più solo comportamenti bizzarri o difficoltà di comunicazione che spesso caratterizzano l’interazione tra le persone autistiche e gli altri, ma potersi esprimere attraverso il linguaggio figurativo rappresentando emozioni, talenti, interessi in modo comprensibile per tutti.

La scelta di rendere il jeans protagonista non è casuale: l’indumento quotidiano per eccellenza, in perfetta simbiosi con il corpo che lo indossa, viene decontestualizzato per diventare qualcosa di insolito. In un mondo ormai schiavo dell’usa e getta, i jeans smessi che si rialzano autonomi sono pronti a camminare nella città per valorizzarla e comunicare che l’autismo esiste. I jeans vengono donati da ragazzi autistici che li hanno decorati e ogni opera d'arte, identificata con il nome del proprietario, verrà inserita in una mappa visibile in rete così da renderne nota l’esatta ubicazione.

La tecnica di realizzazione utilizzata da Spadea consiste nell’inserire all’interno di ciascun capo due tubi di cartone e della carta per «farlo sembrare vivo». L’indumento viene subito vetrificato con della resina che rende il tessuto rigido, impermeabile e non soggetto allo sbiadimento. Alla mostra potranno partecipare i ragazzi autistici di Monza e Brianza che dovranno dipingere con normali coloti acrilici un loro jeans a tema libero. Il jeans così dipinto dovrà essere consegnato, previo appuntamento, entro le ore 12 di venerdì 8 marzo 2019 c/o Casa Francesco a Vedano al Lambro Via Monte Grappa. Roberto Spadea con la sua tecnica trasformerà il jeans “facendolo sembrare vivo”. 

Per maggiori informazioni, visitare il sito internet o la pagina facebook dell’associazione. 

 

Condividi:

FISH - Federazione Italiana per il Superamento dell'HandicapLedha - Lega per i diritti delle persone con disabilitą

Ledha Via Livigno, 2 - 20158 Milano :: tel. 02 6570425 :: info@ledha.it

Informativa sull'uso dei cookie

Realizzato da Head&Hands & MediaDesign