Questo sito utilizza cookie. Proseguendo la navigazione si acconsente al loro impiego in conformitÓ alla nostra Cookie Policy.
Informativa estesa         

Persone con disabilitÓ

A cura di Ledha

Archivio notizie

18/11/2014

"Si pu˛ fare.."

Venerdý 21 novembre, il secondo appuntamento del ciclo di incontri promosso da "ProgettaMi". Al centro del dibattito gli strumenti di lavoro per la presa in carico personalizzata.

"Mettere al centro la persona" Ŕ uno slogan che accomuna gran parte delle ambizioni di molti indirizzi di politica sociale da molti anni a questa parte. Nella realtÓ, invece, le persone con disabilitÓ devono fare i conti con un sistema di risposte sociali frammentato e sempre pi¨ rigido, nelle sue regole di accesso e funzionamento. Ricomporre le richieste, le esigenze, i diritti delle persone con disabilitÓ Ŕ oggi rappresentabile come un dovere da parte delle istituzioni e servizi pubblici ma anche come una possibilitÓ concreta, grazie alla disponibilitÓ di competenze e strumenti operativi, a disposizione degli operatori sociali. Questi i temi al centro del convegno "Si pu˛ fare... idee e strumenti di lavoro per la progettazione personalizzata" organizzato da ProgettaMi in collaborazione con l'UniversitÓ degli Studi di Milano che si svolgerÓ venerdý 21 novembre presso l'ateneo.

A fare gli onori di casa, Giuseppe Arconzo, ricercatore presso la facoltÓ di giurisprudenza degli UniversitÓ degli Studi di Milano e delegato del Rettore per le disabilitÓ e i DSA. Che partirÓ da un punto di vista diverso per affrontare il tema della presa in carico e della progettazione personalizzata. "Nel nostro ordinamento giuridico, argomenti quali l'inclusione scolastica o lavorativa delle persone con disabilitÓ sono giÓ ben evidenziati", sottolinea il docente. Una sentenza della Corte costituzionale, obbliga i giuristi a fare un passo in pi¨: "In questo dispositivo - spiega Arconzo - si evidenzia come le persone con disabilitÓ non siano una categoria omogenea, al contrario. Per questo motivo necessitano di trattamenti e di interventi personalizzati, finalizzati a conseguire l'obiettivo di una vita indipendente". La normativa nazionale evidenzia chiaramente che i problemi delle persone con disabilitÓ non vanno affrontati "in blocco" per tutta la categoria, ma in maniera individuale e individuando attentamente gli interventi pi¨ appropriati per ciascuno.Un problema culturale (e di risorse) prima che normativo. "Purtroppo, mancanza di soldi e la disorganizzazione sono un freno importante ai principi di inclusione che, con fatica, sono stati inclusi nel nostro ordinamento - conclude Arconzo -. E che porta a elaborare una soluzione che vada bene per tutti".

"Il tema del progetto di presa in carico personalizzato rischia di essere retorico per diversi motivi" avverte Roberto Franchini, docente di pedagogia speciale presso l'UniversitÓ Cattolica del Sacro Cuore di Brescia e responsabile dell'area strategica nazionale per l'Opera Don Orione. "Il problema principale - spiega il docente - sta nel fatto che la normativa lombarda Ŕ basata su un'impostazione di tipo problema-soluzione". In questo modo i professionisti che devono prendersi cura della persona con disabilitÓ si trovano a far fronte, volta per volta, a problemi diversi (ad esempio gestione del dolore, cura delle piaghe da decubito,...). E dare a ciascuno la risposta pi¨ appropriata. Con interventi che, in molti casi, vanno avanti per tutta la vita. "In questo modo si spezzetta la persona tra diverse agenzie - sottolinea Franchini -. Quando invece servirebbe un progetto di vita che si fonda su valori, desideri e prioritÓ della persona. E non su un paradigma problema-soluzione". Ma per superare questo modello bisogna rivedere alle fondamenta il welfare lombardo e tutto il suo sistema di presa in carico, cambiare i requisiti di accreditamento.

Il convegno "Si pu˛ fare ... idee e strumenti di lavoro per la progettazione personalizzata" si svolgerÓ venerdý 21 novembre presso l'UniversitÓ degli Studi di Milano (via Festa del Perdono 3 - Aula 422) a partire dalle ore 14. L'appuntamento fa parte di un ciclo di tre incontri organizzati da ProgettaMi in collaborazione con l'UniversitÓ degli Studi che si concluderÓ venerdý 19 dicembre con un incontro dal titolo "Come passare dall'assistenza all'inclusione" che vedrÓ la partecipazione di Cristiano Gori (Dipartimento di Sociologia - UniversitÓ Cattolica del Sacro Cuore di Milano, Direttore Lombardia Sociale. Da confermare) e Chiara Saraceno (FacoltÓ di Scienze Politiche - UniversitÓ degli Studi di Torino).

ProgettaMi Ŕ una esperienza che vede collaborare attivamente e concretamente realtÓ del terzo settore (LEDHA, LEDHA Milano, Fondazione Idea Vita, Consorzio SIR) con il Comune di Milano e Fondazione Cariplo, al fine di favorire processi di vita indipendente ed inclusione nella societÓ da parte di persone con disabilitÓ intellettiva, anche attraverso periodi di sperimentazione di vita autonoma, al di fuori della famiglia di origine.

Condividi: Facebook Linkedin Twitter email Stampa