Questo sito utilizza cookie. Proseguendo la navigazione si acconsente al loro impiego in conformitÓ alla nostra Cookie Policy.
Informativa estesa         

Persone con disabilitÓ

A cura di Ledha

Archivio notizie

14/02/2013

RED 2011: la raccomandata INPS

Negli ultimi giorni si sono rivolte al Servizio Legale LEDHA molte associazioni e numerosissime persone con disabilitÓ che ricevono una provvidenza economica da parte dell'INPS.

Il problema sorge a causa di una raccomandata, inviata dall'INPS nel mese di gennaio, nella quale viene richiesto l'invio del modulo "RED 2011 relativo ai redditi 2010" da parte di chi non vi abbia provveduto nel 2011, concedendo come termine ultimo fine febbraio 2013.
Senza la dichiarazione che nel 2010 i redditi erano stati inferiori al limite previsto, l'INPS potrebbe provvedere a sospendere l'erogazione delle provvidenze riconosciute e, successivamente, potrebbe revocarle.

INPS conclude la lettera riportando "Se nel frattempo ci ha giÓ comunicato la Sua situazione reddituale relativa all'anno 2010, La preghiamo di non tenere conto di questa richiesta". Tale affermazione induce chi ha effettuato nel 2011, nei termini previsti, l'invio della dichiarazione RED tramite patronato, ed Ŕ in possesso di regolare ricevuta, a ritenersi esonerato da ulteriori comunicazioni.
In realtÓ quasi tutte le persone che hanno ricevuto la raccomandata si trovano in questa situazione, ma se, come sembra, il problema Ŕ avvenuto all'interno del flusso informativo patronato-INPS, Ŕ chiaro che ad INPS non risulta l'invio di quell'informazione ed il rischio Ŕ che le provvidenze vengano sospese anche se i dati sono stati trasmessi entro i termini.
Questa comunicazione sembrerebbe essere stata inviata a 20.000 invalidi in Lombardia, e 900.000 in Italia.

Segnaliamo quindi la necessitÓ, per chi abbia ricevuto questa raccomandata, di contattare un patronato e di trasmettere nuovamente il "RED 2011 relativo ai redditi 2010".

Condividi: Facebook Linkedin Twitter email Stampa