Questo sito utilizza cookie. Proseguendo la navigazione si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.
Informativa estesa         

Persone con disabilità

A cura di Ledha

In evidenza

L'opinione

Unire le forze per difendere i diritti di tutte le persone sorde

di Emilia Tinelli Bonadonna

Troppo spesso media, politici e istituzioni considerano la LIS come della lingua di tutti i sordi. Un equivoco che non tiene conto della complessità dell'arcipelago delle sordità

È di qualche giorno fa la notizia che il Governo ha approvato -all’interno del Decreto Sostegni bis- un emendamento che riconosce, promuove e tutela la Lingua dei Segni Italiana (LIS) e la Lingua dei Segni Italiana Tattile (LIST). L’emendamento, inoltre, riconosce le figure dell’interprete LIS e dell’interprete LIST quali professionisti specializzati nella traduzione e interpretazione rispettivamente della LIS e della LIST. Come riporta il sito di informazione vita.it un successivo decreto definirà i percorsi formativi per l'accesso alle professioni di interprete LIS e di interprete LIST e le norme transitorie per chi già esercita tali professioni. Inoltre, per favorire l'accessibilità dei propri servizi, le pubbliche amministrazioni promuovono la diffusione dei servizi di interpretariato in LIS e in LIST, la sottotitolazione e ogni altra modalità idonea a favorire la comprensione della lingua verbale ... Continua la lettura

Il Virgolettato

"Al fine di rispettare la Convenzione e di rispettare i diritti umani delle persone con disabilità, deve essere conseguita la de-istituzionalizzazione e deve essere restituita la capacità giuridica a tutte le persone con disabilità, che devono poter scegliere dove e con chi vivere"

General Comment sull'articolo 19 della Convenzione Onu

Gli appuntamenti

Scelti per voi

Lotta civile e disabilità, un documentario senza l’Oscar

"Crip Camp, disabilità rivoluzionarie" è un documentario sulle battaglie per i diritti civili condotte negli Stati Uniti da persone con disabilità negli anni ’70 e ’80. Il commento dello storico Matteo Schianchi

Tratto da: Gli Asini [7 Giugno 2021]